FTEL – Chiarimenti in tema di esterometro – Circolare 2022-26 Agenzia delle Entrate

La circolare fornisce molti chiarimenti a domande sulle nuove
regole di trasmissione dei dati delle operazioni transfrontaliere (c.d.
“esterometro”) introdotte dalla legge di bilancio 2021 a decorrere dal 01.07.2022 alla loro Conservazione.

La Circolare richiama anche la “GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE E DELL’ESTEROMETRO” aggiornata versione 1.7 aggiornata al 17.07.2022. Entrambi sono scaricabili qui sotto:

Riportiamo di seguito la Circolare 2022-26 integrale:

La “GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE E DELL’ESTEROMETRO” versione 1.7 aggiornata al 15.07.2022:

FTEL 29 – NUOVO Servizio di Consultazione e Acquisizione delle e-fatture – opzione da esercitare entro il 31.10.2019

Sul sito Entratel é ora possibile aderire al nuovo Servizio di Consultazione e Acquisizione delle e-fatture (di seguito FTEL). Questo servizio si aggiunge al precedente Servizio di Conservazione gratuita per 15 anni.

In sintesi:

  • Se si aderisce al nuovo Servizio di Consultazione e Acquisizione, Entratel conserva le FTEL nel formato XML originale ovvero compresi i dati delle righe (o corpo) del documento (bene o servizio, quantità, prezzo, sconti, ecc) 60 giorni oltre il 31.12 dell’esercizio successivo (esempio: per le FTEL dell’anno 2019 gli XML originali sono conservati fino 60 giorni dopo il 31.12.2020);

aderendo anche al precedente Servizio di Conservazione, Entratel memorizza in modo gratuito per 15 anni i files XML completi;

  • Se non si aderisce, Entratel conserva solo la parte del file XML privo delle righe (o corpo) i cosiddetti “dati fattura”;

l’Azienda deve conservare da sé i files XML completi delle righe (o corpo) per 10 anni ai fini civilistici;

la conservazione va fatta in house (ad esempio su dischi ottici tipo DVD – un DVD da 8,5GB contiene circa 850.000 XML senza allegati o 85.000 XML con una pagina allegata) o tramite fornitori esterni del servizio esempio Cloud;

i fornitori esterni del servizio avranno quindi accesso ai dati completi delle righe (o corpo) dei files XML delle fatture elettroniche e quindi dovranno essere nominati Responsabili del trattamento dei dati ai sensi del GDPR – Regolamento UE 679/2016 con in aggiunta l’obbligo di riservatezza, come si può vedere nell’Accordo di servizio dell’Agenzia delle Entrate;

  • Importante è ricordare che la Conservazione è un onere in capo all’Azienda e che sia Entratel che un fornitore esterno non possono assicurare che i propri server non cadranno mai.

Per maggiori informazioni Vi preghiamo di consultare il nostro servizio di assistenza tramite email a: assistenza@siacinformaticasrl.com

FTEL 28 – Consultazione delle e-fatture – opzione da esercitare entro il 31.10.2019

Da Fiscooggi, organo della Agenzia delle Entrate, pubblichiamo il seguente articolo che sostanzialmente dice:

“Disponibile la procedura gratuita (di Conservazione per 15 anni ndr) per visualizzare e acquisire i file delle fatture elettroniche, o i loro duplicati informatici, emesse e ricevute attraverso il Sistema di interscambio.

C’è tempo fino al prossimo 31 ottobre per gli operatori Iva e
per i consumatori finali per aderire al servizio e accedere al
proprio archivio di e-fatture trasmesse fin dal 1° gennaio.

Dopo il 31 ottobre 2019, in caso di mancata adesione, le fatture elettroniche non saranno più consultabili ed entro il 30 dicembre 2019 i file xml saranno
cancellati, in linea con le indicazioni individuate con il Garante della Privacy.”

FTEL26 Conservazione degli xml – le nuove regole

L’Agenzia delle Entrate, in risposta alle osservazioni del Garante della Privacy, ha introdotto una variante alla Conservazione per quindici anni gratuita presso i propri server. L’informativa allegata é stata adeguata al rispetto delle norme della Privacy dettate dal Regolamento UE 679/2016 GDPR.

Riportiamo i termini di adesione: “Slitta dal 31 maggio al 1° luglio 2019 la data dalla quale operatori Iva (e loro intermediari) e consumatori finali potranno aderire al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei relativi duplicati informatici. Più tempo anche per l’adesione al servizio che potrà essere effettuata fino al 31 ottobre 2019 e non più entro il prossimo 2 settembre”.

Le modifiche sono evidenziate con nostre note a pagina 5.

FTEL 23 Importazione in Contabilità delle fatture elettroniche

Siamo molto felici di informarVi che é disponibile la versione di Contabilità aggiornata per le seguenti novità:

  • aggiunta nei Registri IVA dei nuovi campi SDI file e data notifica
  • opzione di importazione delle fatture elettroniche passive (FTEL-IP)
  • opzione di importazione delle fatture elettroniche attive (FTEL-IA)

La versione aggiornata é attualmente in consegna per le aziende che devono trasmettere entro fine febbraio la CLPI Comunicazione della Liquidazione IVA Periodica o l’Esterometro.

In particolare la opzione di importazione delle fatture passive consente il massimo della automazione perché, l’operatore troverà precompilati il fornitore, il castelletto IVA e, tramite il modello di registrazione pre-impostato durante una precedente analoga, anche i conti necessari a completare la registrazione. Si pensi ad esempio alla fattura dell’energia elettrica, piuttosto che delle spese telefoniche, delle pulizie, ecc.

Non meno importante la archiviazione documentale (AD), integrata nella opzione, che permette di rivedere in ogni momento l’xml originale. AD fornisce poi la base per la Conservazione degli xml in house (su DVD) o su cloud o presso terzi.

 

 

FTEL 20bis Navigare sul sito ENTRATEL dell’Agenzia delle Entrate

Riproponiamo l’articolo FTEL 20 del 25 gennaio contenente un semplice Tutorial. Tutorial molto apprezzato dai visitatori del nostro sito principalmente perché illustra la funzione di download massivo utilizzabile dall’inizio di gennaio 2019 nel sito Entratel aziendale dell’Agenzia delle Entrate.

Infatti il download massivo, ad esempio settimanale, permette all’Azienda di tenere  sotto controllo le fatture passive arrivate all’Entratel e messe a disposizione per il download stesso e la stampa. Quello che viene scaricato (sia fatture emesse o attive che fatture ricevute o passive) é esattamente quello che dovrà apparire nei Registri IVA e nella Comunicazione della Liquidazione Periodica IVA CLPI trimestrale.

Il precedente articolo:

Al link qui sotto riportato abbiamo inserito un tutorial per compiere i primi passi sul sito Entratel/Fisconline dell’Agenzia delle Entrate.

Consultazione – In particolare la navigazione porta alla consultazione di tutte le fatture trasmesse a Entratel sia tramite le fatture elettroniche che tramite lo Spesometro.

Download – Nuovo e molto importante é il nuovo servizio di download delle fatture elettroniche attive e passive, delle verifiche su soggetti IVA esistenti e delle ricevute di avvenuta consegna.

SDI file – Infine si può vedere come il campo SDI / File, generato dallo SDI, é uno stretto legame tra la fattura emessa e quella ricevuta.

SIAC_FAQ_FTEL_M_06 Navigare nel sito Entratel z0122

 

FTEL 16 – Ultimi giorni per esercitare l’opzione gratuita per 15 anni della Conservazione – Invio via PEC o Codice Destinatario?

Conservazione

La obbligatorietà per 10 anni della Conservazione è riportata nella circolare 18/E del 24 giugno 2014 dell’Agenzia delle Entrate (utilizzare la casella Cerca e digitare: conservazione).

Nel portale Entratel/Fisconline dell’Agenzia delle Entrate, sezione Fatture e Corrispettivi, é possibile optare per la Conservazione immediata e gratuita per 15 anni (si veda pag. 31 della Guida alla Fatturazione elettronica del 04.10.2018). Nell’accordo é evidenziato che l’Agenzia non si assume alcune responsabilità in caso di perdita di dati causato da eventi eccezionali.

La stessa considerazione la fa Microsoft per lo spazio che mette a disposizione, nel caso di acquisto di Office 365, nella propria cloud OneDrive.

A questo punto viene il dubbio che anche la migliore delle aziende che offrono servizi di conservazione non diano garanzie al 100%. E’ necessario leggere attentamente il contratto che Vi sottopongono.

Infine l’obbligo della Conservazione é in capo all’azienda che emette e riceve i files xml delle fatture elettroniche.

Che fare? Semplice: optare subito nella pagina di Entratel, dopo aver inserito l’indirizzo della PEC alla quale si vuole vengano indirizzati, per la conservazione gratuita per 15 anni. La conservazione é attiva immediatamente dopo aver esercitato l’opzione e quindi dal 01.01.2019 le Vostre fatture, emesse e ricevute sono già in conservazione presso l’Agenzia delle Entrate.

Poi, se il Vostro programma di fatturazione elettronica é dotato della funzione di Archiviazione Documentale e Conservazione Sostitutiva, dotarsi di un masterizzatore di dischi ottici dvd (hanno una capacità di 4,5 Gigabytes pari a circa 45.000 files xml con pdf inglobato) o bluray (hanno una capacità massima di 100GigaBytes) e masterizzare  il tutto con cadenza trimestrale. Per questo metodo, e anche se ricorrete a conservatori terzi, la masterizzazione va fatta entro il 31.12.2020 se l’esercizio 2019 coincide con l’anno solare e comunque entro 3 mesi dal termine di presentazione della denuncia dei redditi dell’azienda. C’é tutto il tempo per pensare al metodo migliore per l’azienda.

Sarete in una botte di ferro perché avrete:

  • la Conservazione presso l’Agenzia delle Entrate
  • la Conservazione su supporti ottici leggibili a distanza di oltre 10 anni
  • copie trimestrali degli stessi che terrete in ufficio, in banca e consegnerete al titolare
  • NON avete consegnato i Vostri segreti aziendali a terzi!

INVIO e RICEZIONE dei files xml delle Fatture Elettroniche

La nostra società ha scelto di inviare e ricevere le Fatture Elettroniche tramite PEC.

L’indirizzo al quale inviare le fatture passive é: siacinformatica@legalmail.it

La decisione di non avvalersi di intermediari é stata motivata perchè:

  • da 20 anni le aziende inviano le fatture in formato pdf via email senza problemi;
  • le email/PEC possono essere inviate in modo crittografato;
  • gli intermediari si trovano a immagazzinare informazioni contenute in chiaro nei files xml delle fatture;
  • le grandi aziende utilizzano la PEC come riportato nel sito della Fincantieri:

FTEL 15 – Pubblicate il 29.11.2018 nuove precisazioni sul sito dell’Agenzia delle Entrate

Finalmente l’Agenzia fornisce un documento che riporta le domande più frequenti (FAQ) che ci siamo posti sulla modalità di applicare la fattura elettronica all’ampia gamma di casistiche esistenti. Nel documento viene citato il DL 119 del 23.10.2018 in corso di conversione in legge (vedasi nostro articolo FTEL 14); ci auguriamo che da parte dell’Agenzia delle Entrate venga pubblicata una circolare definitiva visto che il documento che alleghiamo presenta una veste con qualche errore di punteggiatura.

Di seguito riportiamo il link ad alcuni documenti originali dell’Agenzia delle Entrate:

le FAQ (frequently asked questions) alle quale abbiamo aggiunto nostre evidenze per semplificarne la lettura:

agen FAQ+fatturazione+elettronica 2018.11.29 y1201 nt

la Guida alla Fattura Elettronica aggiornata al 04.10.2018:

agen Guida_La+fattura_elettronica_e_i_servizi_gratuiti_dell’Agenzia_delle_Entrate 2018.10.04 y1201

Il modulo della Delega (utile se si vuole delegare il commercialista) per la consultazione dell’area Fattura e Corrispettivi:

agen Delega_revoca_cassFisc+EDIT 2018.10.04 y1005

e alla pagina del sito dove sono raccolti i documenti che si riferiscono alla Fatturazione Elettronica:

https://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/aree+tematiche/fatturazione+elettronica

 

 

 

FTEL 10 – Conservazione gratuita presso Entratel/Fisconline delle fatture elettroniche emesse e ricevute

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente aggiornato le Condizioni di Utilizzo della Conservazione gratuita verso chi sceglie di effettuare la Conservazione stessa nel sito Entratel/Fisconline delle fatture emesse e ricevute.

Nelle Condizioni di Utilizzo viene ribadito che la Conservazione ha durata di 15 anni e che la stessa é gratuita come previsto dalla Legge Finanziaria 2018. Riportiamo i punti più importanti delle Condizioni:

“Premessa punto 3:

l’Agenzia, in conformità alle disposizioni summenzionate, ha previsto l’attivazione di un servizio gratuito per la conservazione delle fatture elettroniche.

“Art. 5 – Durata e modalità della conservazione L’Agenzia si impegna a conservare a norma, secondo le modalità descritte nel Manuale, per la durata di 15 anni, le fatture elettroniche inviate volontariamente dal Contribuente e le fatture trasmesse e ricevute attraverso il Sistema di Interscambio nel periodo di vigenza della Convenzione.”

Di seguito riportiamo i due documenti:

agen Condizioni Utilizzo rev 20180701

agen Manuale Conservazione rev 20180701

SIAC é pronta per l’invio e la ricezione delle fatture elettroniche. I programmi di fatturazione elettronica , di nostra produzione,  si affiancano a SWING e consentono una completa automazione per la emissione,  riscontro delle ricevute e archiviazione ordinata; per la ricezione delle fatture dai fornitori SWING automatizza la loro registrazione  nel Gestionale e/o in Contabilità.

L’automazione é realizzata semplicemente utilizzando Microsoft Outlook o altro client di posta (che abbia le stesse funzioni di interscambio).

Il nostro Ufficio di assistenza é ben lieto di spiegare quali sono i passi da compiere per la completa meccanizzazione delle fatture elettroniche.

 

 

 

 

 

FTEL 07 fattura elettronica la soluzione di SIAC Informatica

A seguito delle novità introdotte dalla Circolare 8/E del 30.04.2018 dell’Agenzia delle Entrate, SIAC Informatica ha rimodulato i propri pacchetti software come riportato nella seguente pagina dei Prodotti:

FTEL SWING e la fattura elettronica (e-fattura)

Rammentiamo che per una ricerca facile ed immediata dei nostri articoli sulla e-fattura é sufficiente digitare FTEL nella casella Cerca come nell’esempio: